Aler e Comune di Rozzano firmano l’accordo per migliorare la qualità della vita negli edifici di edilizia popolare

Occhi puntati sui seimila alloggi popolari della città. Il Comune firma l’accordo con Aler Milano che prevede una serie di interventi mirati per migliorare le condizioni di vita e di sicurezza urbana del quartiere di edilizia residenziale pubblica.

Il sindaco Gianni Ferretti e Angelo Sala, presidente di Aler Milano hanno sottoscritto questa mattina il documento che li vede impegnati nel realizzare importanti interventi sui temi della sicurezza e delle occupazione abusive, sulla morosità, sul decoro urbano e la raccolta differenziata dei rifiuti.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti con Aler – sottolinea il sindaco Gianni Ferretti – frutto della collaborazione positiva e della sinergia comune. Questo accordo consolida l’impegno di questa amministrazione a favore di un’ampia serie di interventi  da effettuare nel quartiere, per migliorare la qualità di vita dei residenti. La sicurezza, il rigore e il rispetto delle regole sono fondamentali – aggiunge il sindaco – e non abbasseremo la guardia rispetto a chi occupa abusivamente un alloggio e usurpa il diritto alla casa delle famiglie in graduatoria.”

“La convenzione appena sottoscritta è l’esito di un lavoro congiunto tra Istituzioni di analisi dei bisogni dei cittadini, con l’obiettivo di dare una risposta concreta e operativa – dichiara Angelo Sala, presidente di Aler Milano. L’Accordo infatti si tradurrà velocemente in azioni tangibili per gli abitanti delle case Aler di Rozzano, proprio sui temi più rilevanti per la cittadinanza, con particolare riferimento all’ambito della sicurezza e del decoro nei caseggiati e nei quartieri.”

“Riteniamo di fondamentale importanza la stipula di questo accordo quadro con Aler  – commenta Cristina Perazzolo vice sindaco e assessore alle politiche abitative – su tematiche che soprattutto nel nostro territorio s’interfacciano fra loro, quali politiche abitative, sociali, sicurezza e decoro urbano.  L’obiettivo condiviso è quello di creare una sinergia istituzionale al fine di salvaguardare al meglio i cittadini residenti  nel quartiere popolare.”

Ai fini della prevenzione del fenomeno delle occupazioni abusive è stato istituito un tavolo operativo tra le parti che ha il compito di monitorare e analizzare l’andamento delle occupazioni sul territorio comunale e di coordinare e programmare le conseguenti iniziative.

Gli alloggi che si renderanno disponibili a seguito degli sgomberi per le occupazioni abusive verranno assegnati,  con le procedure del regolamento regionale vigente, con  priorità alle forze di polizia e al corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Le segnalazioni di una nuova occupazione abusiva dovranno confluire alla centrale operativa della Polizia Locale al numero 0289200785 che, in accordo con Aler, concorderà l’intervento per gli sgomberi in flagranza fino alla messa in sicurezza degli alloggi.

Sul fronte del contrasto alla morosità verrà avviata  un’analisi congiunta delle situazioni presenti nel quartiere Aler  finalizzata, da un lato, ad individuare le situazioni di morosità incolpevole per le quali si valuteranno le possibili azioni di sostegno  e  dall’altro  ad identificare gli inquilini morosi colpevoli per le conseguenti azioni amministrative.

Al fine di migliorare l’attuale sistema di raccolta dei rifiuti solidi urbani e di garantire il decoro delle aree destinate al conferimento degli stessi, il Comune di Rozzano ed Aler Milano si impegnano a rivedere l’attuale configurazione e la dislocazione delle isole ecologiche presenti sul territorio non dotate di sistema Ecopoint sotterraneo di raccolta.

L’obiettivo finale è la realizzazione di 29  aree attrezzate con ecostazioni anche non interrate e la riqualificazione di quelle non più utilizzate.

Tra i punti sottoscritti nell’accordo è prevista anche la revisione del piano vendita degli alloggi, una sinergia per la rimozione per i veicoli abbandonati nel quartiere e criteri per la mobilità dell’utenza fra i patrimoni di proprietà dei due enti.