Coronavirus, le nuove disposizioni del Governo in vigore fino al 15 gennaio

Pubblicato il 7 Gennaio 2021

A partire dal 7 gennaio e fino al 15 gennaio 2021 è in vigore il nuovo decreto-legge contenente ulteriori disposizioni valide su tutto il territorio nazionale per contrastare e contenere la diffusione del coronavirus. Leggi il testo completo del decreto, clicca qui.

Di seguito le principali disposizioni:

ZONA GIALLA 7 e 8 gennaio 2021
Nei giorni di giovedì 7 e venerdì 8 gennaio saranno applicate le misure previste per la “zona gialla”

  • Sono consentiti gli spostamenti fuori dal proprio comune di residenza e all’interno della propria regione. Gli spostamenti saranno liberi fino alle 22,  tra le ore 22 e le ore 5 del mattino occorrono invece ragioni specifiche (quelle consentite sono lavoro, salute o necessità e urgenza) e serve dunque compilare il modulo di autocertificazione (scaricala qui ).
  • Non sono consentiti gli spostamenti tra regioni diverse, inclusi gli spostamenti verso le seconda case ubicate in altra regione.
  • Bar e ristoranti resteranno aperti fino alle ore 18. Le attività di asporto sono consentite fino alle ore 22. La consegna a domicilio è sempre consentita.
  • Sono aperti i negozi e i centri commerciali.

ZONA ARANCIONE 9 e 10 gennaio
Nei giorni di sabato 9 e domenica 10 gennaio saranno applicate le misure previste per la “zona arancione”

  • Gli spostamenti sono consentiti dalle 5 alle 22 (con autocertificazione) all’interno del proprio comune. I residenti in comuni con popolazione inferiore ai 5000 abitanti possono spostarsi fuori dal proprio comune, entro i 30 km dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.
  • Bar e ristoranti sono chiusi tutto il giorno
  • Negozi, parrucchieri e centri estetici aperti

 

Dall’11 al 15 gennaio
Dall’11 gennaio scatta la divisione in fasce. Sulla base del monitoraggio settimanale si deciderà quali regioni resteranno in fascia gialla e se ci sono regioni che devono passare in fascia arancione o rossa.

A partire dall’11 gennaio, per le scuole secondarie di secondo grado è prevista la ripresa delle attività scolastiche in presenza per il 50 per cento degli studenti.

Nei territori inseriti nella “zona rossa” vige la possibilità di spostarsi, una sola volta al giorno, in un massimo di due persone, verso una sola abitazione privata della propria regione.